problem loading posts

colourful-vegan-cooking:

TIRAMISU’ LIGHT

Ingredienti (per 10 persone): 1 litro e ½ di latte di soia, 6 cucchiai di farina, 10 tazzine di caffè, 2 cucchiai di zucchero, 400 gr biscotti secchi vegan, cacao q.b, cioccolato (in scaglie) q.b
Preparazione: Iniziare con la preparazione della crema: scaldare il latte di soia aggiungendo poco a poco la farina, mescolando con una frusta per evitare la formazione di grumi. Quando il composto diventerà cremoso, aggiungere lo zucchero e togliere dal fuoco. Iniziare ad assemblare il tiramisù. Stendere sul fondo di una teglia un po’ di crema, inzuppare i biscotti nel caffè e disporli nella teglia. Se i biscotti sono piuttosto fini se ne possono sovrapporre 2 strati. Coprire con la crema e ripetere l’operazione precedente, alternando biscotti e crema. L’ultimo strato deve essere composto dalla crema, spolverata con un po’ di cacao e con il cioccolato a scaglie (è sufficiente grattare un po’ di cioccolato in barretta con una grattugia). Lasciare riposare in frigo qualche ora e servire freddo.

——————————————————————————————————————————————

LIGHT TIRAMISU’

Tiramisù is an italian dessert.

Ingredients (10 servings): 1 ½ liters of soy milk, 6 tablespoons of flour, 10 cups of coffee , 2 tablespoons of sugar, 400 gr vegan biscuits, cocoa to taste,chocolate (flakes) to taste

Procedure: begin by preparing the cream: heat the soy milk and gradually adding the flour, stirring with a whisk to avoid lumps. When the mixture will become creamy , add sugar and remove from heat. Start assembling the tiramisù. Spread the cream on the bottom of a pan, dip the biscuits in coffee and arrange them in the pan. If the biscuits are fine, you can make two layers . Cover with the cream and repeat the previous step , alternating the biscuits and the cream . The last layer should be composed by cream, cocoa and chocolate flakes (grate chocolate bar, just a little, with a grater). Let it stand in the refrigerator for some hours and serve cold.

colourful-vegan-cooking:

SEITAN AUTOPRODOTTO

Ingredienti (per il seitan): 2 kg di farina di grano tenero e acqua q.b.
Ingredienti (per il brodo): 1 litro e mezzo d’acqua, 150 ml di salsa di soia, spezie a piacere, un pezzetto di alga kombu, , 2 spicchi d’aglio, pepe q.b., rosmarino q.b., salvia q.b., zenzero in polvere q.b, una presa di sale grosso, verdure a piacere.
Procedimento (per il seitan): con la farina e l’acqua fare un impasto morbido ed elastico. Formare una palla, metterla in una bacinella e ricoprirla completamente d’acqua. Dopo 1 ora di riposo iniziare a “lavare” la palla un pezzetto alla volta, per eliminare l’amido ed ottenere il glutine. Per fare questo, mettere il composto dentro uno scolapasta e a sua volta all’interno di un recipiente pieno d’acqua. Lavorare l’impasto fino a quando l’acqua non diventerà  bianca a causa della perdita dell’amido. Sollevare lo scolapasta e svuotare il recipiente. Ripetere l’operazione svariate volte fino a quando il colore dell’acqua diventa limpido, la consistenza dell’impasto molto elastica e il colore giallognolo.(Per il brodo): in un litro e mezzo d’acqua aggiungere tutti gli ingredienti per il brodo. Risulterà molto salato ma è essenziale per insaporire il seitan poiché assorbirà solo una parte del sale. Quando bolle buttare il seitan (noi vi consigliamo di fare delle palline circe 5 cm di diametro, perché poi si gonfia durante la cottura. Non sono essenziali quindi canovacci/sacchettini) e far cuocere per 1 ora circa. Dopodichè lasciare tutta la notte ad assorbire meglio il brodo. Il giorno seguente scolare i pezzi di seitan. Può essere cucinato al momento o si può  mettere nei sacchetti appositi per il freezer e congelarlo. Il brodo rimanente può essere usato successivamente per altre ricette o per far bollire altro seitan.

N. B. non è necessaria la farina manitoba, utilizzata nella maggior parte delle ricette di produzione del seitan grazie al suo alto rendimento. Anche la farina 00, ben più economica, ha un buon rendimento.
L’amido in eccesso che si libererà dal risciacquo dell’impasto può essere utilizzato per altre ricette una volta evaporata l’acqua.
—————————————————————————————————————————————-
HOMEMADE SEITAN

Ingredients (for seitan): 2 kg of wheat flour and water as needed
Ingredients (for the broth): 1 and a half liters of water, 150 ml of soy sauce, spices to taste , a small piece of kombu seaweed , 2 cloves of garlic, pepper , rosemary to taste, sage to taste, ginger powder to taste , a pinch of salt, vegetables to taste.
Procedure ( for seitan ): make a soft and elastic dough with the flour and  the water. Shape into a ball, put it in a bowl and cover completely with water. After 1 hour start  washing  the ball, a little piece at a time, to remove the starch and get the gluten. To do this, put the mixture into a colander and then put the colander into a container filled with water. Stir the mixture until the water become white (due to loss of the starch). Lift the colander and empty the container. Repeat this procedure several times until the color of the water becomes clear, the consistency of the dough very elastic and the colour yellowish.
(For the broth ): in a liter and a half of water add all the ingredients for the broth. It will very salty because the salt is essential to flavor the seitan which absorb only a portion of the salt. When it boils throw the seitan (make balls approximately of 5 cm in diameter, because the seitan swells during cooking. Towels or bags  are not essential) and cook it for about 1 hour. After that, the seitan can stay all night to absorb the broth. The next day, drain the pieces of seitan . It can be cooked at the moment or you can put in special bags for the freezer and freeze it . The remaining broth can be used subsequently for other recipes or to boil other seitan .

Note: manitoba flour is not necessary (it is used in most seitan production recipes due to its high performance . Even the 00 flour, cheaper , has a good performance. The excess of starch that is freed from the rinsing of the dough can be used for other recipes once the water evaporates.

La prima cosa che la lettura insegna è come stare da soli.

Jonathan Franzen (via letaschepienedicose)

la seconda cosa che la lettura insegna è che “Soli” è un punto di partenza.
La tazza ama sentirsi vuota perché ama l’idea di potersi riempire, quando vuole, di ciò che vuole.

(via rollotommasi)

Santo cielo, la persona sopr di me mi ha fatto venire i brividi…

(via hopeinfate)

La terza è che non sarai mai veramente solo se avrai una storia in cui perderti

(via 960kilometers)

La quarta é che quando tutti se ne vanno, tu puoi ancora rifugiarti in loro e vivere le vite che non vivrai mai, perché è quello che ti resta.

(via attraversoilcielo)

La quinta è che anche se il libro, purtroppo, finisce, può sempre riniziare.

(via lameravigliadelmare)

La sesta è che puoi rivivere a tuo piacimento e sempre quello che ti piace e saltare il resto

La settima è che quando vuoi puoi chiudere il libro ed iniziare a vivere davvero.

(via maybe-love-is-not-enought)

L’ottava è che siamo tutti libri da leggere, alcuni più interessanti, altri meno, alcuni più tristi, altri più felici

(via cielidisettembre)

La nona è che se tutto è uno schifo puoi buttare il libro e ripartire da zero

(via andraicomunquecomechiunque)